12 gennaio 2012

Excmo. Sr. don Carlos Gereda de Borbón

Marchese de Almazán

nominato Accademico D’ONORE

dell’Accademia Teutonica

“Enrico VI di Hohenstaufen”

Don Carlos Gereda de Borbón è nato il 24 gennaio 1947 a Montevideo (Uruguay), dove i suoi genitori si erano trasferiti dopo la guerra civile spagnola.

La sua posizione all'interno della famiglia Borbone è stabilita dalla linea del Duca di Sant’Elena, suo nonno, secondo gerarchicamente solo al Duca di Siviglia, suo cugino, entrambi discendenti del Re Carlo IV di Spagna. Questo ramo della Famiglia, come nobiltà, è considerato inferiore solo alla Famiglia Reale spagnola.

In giovane età è tornato nella nativa Spagna, prima di essere avviato agli studi in Sussex (Inghilterra) e, poi, presso la Downside Abbey, una scuola pubblica benedettina. Dopo aver completato la sua formazione presso Downside è tornato a Madrid ove si è laureato in Ingegneria Industriale.

Il 15 febbraio si è sposato con María las Nieves Castellano y Barón, Marquesa de Almazán, acquisendo il titolo di Marchese de Almazán che era stato creato da Filippo II di Spagna nel 1575.

E’ impegnato nella creazione di un Museo della Scienza e del tempo libero a Malaga, in Spagna, che dovrebbe essere il più importante del suo genere nel Mediterraneo.

Nell'ottobre 2008 è stato eletto 49° Principe e Gran Maestro dell'Ordine Militare ed Ospedaliero di San Lazzaro di Gerusalemme ed ha prestato solenne giuramento nella Cattedrale di Manchester in Inghilterra alla presenza del Protettore Spirituale dell’Ordine Sua Beatitudine Gregorio III Laham, Patriarca di Antiochia dei Melchiti, di tutto l’Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme.

 

 

9 gennaio 2012

rev.mo Corepiscopo Mons. Yusuf SaG

Esarca Patriarcale dei Siri Cattolici in Turchia

nominato Accademico D’ONORE

dell’Accademia Teutonica

“Enrico VI di Hohenstaufen”

Yusuf Sag è nato nel 1935 ad Asekg, in Turchia, e riveste la dignità di Corepiscopo ed Esarca Vicario Patriarcale della Chiesa siro-cattolica in Turchia.

Sposato con Munira Mansurati nel 1957 è padre di quattro figli.

Uomo di grande cultura liturgica, sociale e pastorale, è stato individuato dal Patriarcato di Antiochia dei Siri per essere ordinato sacerdote ed ha ricevuto la formazione sacerdotale in Libano. Il 14 Febbraio 1964 è stato ordinato sacerdote.

E’ stato parroco dal 1964 al 1970 a Mardin e Diyarbakir, roccaforte della NATO.

Nel 1987 è diventato il Corepiscopo.

Attualmente è vicario patriarcale della Chiesa siro-cattolica in Turchia con sede a Istanbul.

Come rappresentante della Chiesa siro-cattolica è membro della Conferenza episcopale cattolica turca e presidente della Commissione per il Dialogo Interreligioso.

E’ l'unico religioso turco della Chiesa cattolica in Turchia.

Gode di stima e rispetto da parte delle autorità turche e di quelle religiose islamiche e, grazie al prestigio di cui è circondato, in numerose occasioni è riuscito a difendere e sostenere la causa cristiana nel suo Paese.

 

 

5 gennaio 2012

L’Onorevole Senatore Prof. Dieter salch

nominato Accademico Ordinario

dell’Accademia Teutonica

“Enrico VI di Hohenstaufen”

Dieter Salch è professore onorario del Dipartimento di diritto tributario e societario dell'Università di Würzburg dal 2001.

Dal 1990 ha insegnato presso l'Università Federale di Gesellschaftsrat ove ha creato una fondazione con l’obiettivo di promuovere la ricerca e l'insegnamento, soprattutto presso la Facoltà di Giurisprudenza.

Nel 1999 è divenuto membro del Consiglio Accademico dell'Università di Würzburg, un ufficio che ha tenuto per diversi anni come vicepresidente ed, infine, come presidente.

Nel 2007 ha ricevuto il titolo onorario di “Onorevole Senatore”, che è la più alta onorificenza conferita dall’Università di Würzburg.

E’ membro dell’Ordine Teutonico come Familiare del Baliato di Germania ed autore di numerosi saggi e monografie sull’Ordine Teutonico, della cui storia è considerato uno studioso ed esperto dei più importanti.

 

 

3 gennaio 2012

Il Prof. Roman Czaja

nominato Accademico Ordinario

dell’Accademia Teutonica

“Enrico VI di Hohenstaufen”

 

 Roman Czaja, di nazionalità polacca, ricercatore e docente di storia e cartografia medievale, è professore associato presso l’Università Nicolò Copernico di Torun, ove dirige il Dipartimento di Storia del Medioevo presso l’Istituto di Storia ed Archivistica GCM.

Ha svolto numerose lezioni e conferenze nelle università tedesche ospite a Greifswald, Potsdam, Amburgo, Münster e Kiel.

Nel 2000-2001 ha collaborato con la Fondazione Alexander von Humboldt presso l'Università Humboldt di Berlino.

I suoi interessi di ricerca riguardano la storia delle città medievali con particolare attenzione alla storia della città anseatica, la storia dell'Ordine Teutonico e lo Stato in Prussia e cartografia storica.

Attualmente è membro della Commissione Storica Internazionale per le ricerche sull’Ordine Teutonico (Internationale Historische Kommission zur Erforschung des Deutschen Ordens, Vienna.

Autore di numerose pubblicazioni, è considerato uno dei massimi studiosi al mondo della storia dell’Ordine dei Cavalieri Teutonici.

 

 

23 dicembre 2011

Casa Troncal de los Doce Linajes de Soria

nominata AccademicO D’ONORE

dell’Accademia Teutonica

“Enrico VI di Hohenstaufen”

 

Il Consiglio Provinciale dei Dodici Cavalieri Hijosdalgo (Nobili) era una delle tre istituzioni che hanno governato la città di Soria (Spagna), dal Medioevo alle riforme liberali del XIX secolo, insieme al Comune e al Consiglio.

Le prime notizie dei Dodici lignaggi si hanno nella conferma concessa da Sancho IV alla fine del XIII secolo, che si riferisce alla concessione di un privilegio unico militare concesso da Alfonso VIII.

Santiago era il patrono dei Dodici Casati di Soria, come il modello castigliano della cavalleria.

Analogamente ad altre corporazioni della nobiltà spagnola, anche la Casa Troncal de los Doce Linajes de Soria è stata restaurata come una corporazione nobiliare per decisione dei discendenti diretti degli antichi lignaggi Soria, che si sono riuniti in la storica città di Soria nel 2009, e costituisce oggi una delle corporazioni nobili più antiche della Spagna, con un’intensa attività culturale e scientifica nel settore dell’araldica, della storia e degli Ordini Cavallereschi.

Il 25 aprile 2011 ha un firmato un accordo di cooperazione con il Comune di Comune di Soria, ella quale si conviene che l'Archivio Comunale di Soria, che si trova nella Plaza Mayor e contiene la raccolta documentaria più ampia e completa le linee di sangue, diventerà la sede ufficiale della Corporazione ed in esso saranno depositati gli atti relativi ai Cavalieri e le Dame della Casa, il Registro delle armi dei Cavalieri e Dame, la documentazione di pertinenza del Consiglio della Contea d'onore, ed i documenti di particolare interesse della Corporazione. Analogamente è stato stabilito che il Comune di Soria consentirà l’uso del Municipio e del Palazzo di udienza, nonché la sede del Dipartimento della Cultura, per la celebrazioni delle cerimonie solenni della Corporazione.

Per essere ammessi è necessario provare la nobiltà e cavalleria di sangue

L'attuale presidente della Corporazione è il diplomatico del Servizio Esteri della Unione europea Dr. Don Francisco M. de las Heras e Borrero.

La direzione spirituale della Corporazione compete al Vescovo di Osma-Soria Don Gerardo Melgar Vicious.

Membri d'onore dei Dodici Casati di Soria sono l'On. D. Carlos Martinez Minguez, sindaco di Soria , S.E. Don Juan Van Halen e Acedo, Cavaliere del Sovrano Ordine di Malta, Senatore del Regno di Spagna, Sua Altezza Imperiale e Reale Don Andres Salvador d'Asburgo-Lorena, Arciduca d'Austria; S.A.R. don Miguel de Braganza, Duca di Viseu , Infante di Portogallo, S.A.R. il Principe Davit Bagrationi, Capo della Real Casa di Georgia , S.E. Il Duca di Siviglia, Grande di Spagna, S.E. Il Marchese di lapilli, Grande di Spagna , S.E. Il signor Duca di Santoña, Grande di Spagna, S.E. il Marchese di Almazan.

 

 
<< Start < Prev 61 62 63 64 65 66 67 68 Next > End >>

Privacy Policy

La consultazione del sito dell'Ordine Teutonico Sicilia prevede l'utilizzo di cookie. La prosecuzione della navigazione si intende come implicita accettazione di tale condizione.