20 ottobre 2011

IL PROF. COSIMO DAMIANO FONSECA

NOMINATO ACCADEMICO ORDINARIO

DELL’ACCADEMIA TEUTONICA

“ENRICO VI DI HOHENSTAUFEN”

Cosimo Damiano Fonseca è nato nel 1932 a Massafra, compiuti gli studi teologici a Napoli veniva ordinato sacerdote nel 1954, a soli 22 anni, con dispensa papale, poiché secondo il Diritto Canonico l’età minima è 24 anni. Laureato in Teologia ed in Filosofia, con specializzazioni in Storia e Civiltà del Cristianesimo ed in Paleografia, Diplomatica e Dottrina Archivistica, ha insegnato nell’Università Cattolica di Milano, a Bari (Storia medievale e Storia del Cristianesimo), a Lecce (Storia medievale) e nell’Università della Basilicata (Storia medievale, Paleografia latina e Diplomatica). A Lecce è stato Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia per nove anni, Direttore prima dell’Istituto di Storia medievale e moderna, poi del Dipartimento di Scienze Storiche e Sociali. Ha istituito e diretto dal 1979 al 1983 la Scuola di Specializzazione in Archeologia classica e medievale (la prima scuola istituita nel Mezzogiorno), organizzando e dirigendo anche la Fototeca della Civiltà Rupestre. Nominato nel 1981 dal Ministro della Pubblica Istruzione membro del Comitato Ordinatore della Facoltà di Lettere e Filosofia della nuova Università della Basilicata, ne diveniva - creandola dal nulla - primo Rettore per il triennio 1981/84, rieletto per i tre trienni successivi. Nel 1991 ha istituito, dirigendola per molti anni, anche la Scuola di Specializzazione in Archeologia classica e medievale con sede a Matera.

Ideatore e condirettore dell’Enciclopedia Fridericiana della Treccani, collabora al Dictionnaire d’Histoire et de Géographie ecclésiastique ed al Dizionario Biografico degli Italiani (Fondazione Treccani). E’ membro di numerose Accademie ed Istituti scientifici, tra cui l’Accademia Nazionale dei Lincei, l’Istituto Lombardo - Accademia di Scienze e Lettere, l’Accademia Pontaniana di Napoli, l’Accademia di Scienze, Lettere e Arti di Palermo.

Tanti i premi ricevuti, fra i quali: Diploma di prima classe con medaglia d’oro di benemerito della Scuola, della Cultura e dell’Arte, conferito dal Presidente della Repubblica (1981); Premio Presidente della Repubblica per la Classe di Scienze morali, storiche e filologiche dell’Accademia Nazionale dei Lincei (1988); Diploma di benemerenza con medaglia d’oro della Società Dante Alighieri (1991); Sigillo d’oro delle Università di Lecce e di Foggia; Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al merito della Repubblica; Premio scientifico della Fondazione Stauferstifftung Göpingen (2006), attribuito per la prima volta ad un italiano, per i suoi meriti relativi alla ricerca sulla vita e sull’opera di Federico II, avviati nei primi anni ’70 e confluiti, nel 1985, in uno dei suoi fiori all’occhiello, l’Istituto Internazionale di Studi Federiciani del CNR.

Il Prof. Fonseca è “Familiare” dell’Ordine Teutonico e Direttore dell’Archivio della Diocesi di Castellaneta, nonché Presidente della Commissione Diocesana per l’Arte Sacra ed i Beni Culturali della Chiesa Cattolica.

Storico della Chiesa, maestro di rare capacità intellettuali e morali, punto di riferimento costante di tanti studiosi, molti dei quali formatisi alla sua scuola, egli ha fatto del suo magistero un servizio alla comunità, esercitato anche nei luoghi dove la cultura si fa istituzione.
 

8 ottobre 2011 – Investitura a Aschaffenburg nel Baliato di Germania

L’Investitura dei nuovi Familiari Teutonici nel Baliato di Germania ha avuto luogo ad Aschaffenburg, dove 13 familiari del Baliato di Germania e della Commenda Autonoma del Belgio “Alden Biesen” hanno ricevuto, dalle mani del Gran Maestro, la loro investitura. E’ stato il Vescovo Ausiliare della Diocesi di Würzburg che nel corso della solenne recita dei Vespri, il giorno prima dell’investitura, ha tenuto il discorso sul significato dell’essere Familiare dell’Ordine Teutonico oggi.

investitura_aschaffenburg

L'investitura ha avuto luogo nella Chiesa Collegiata di San Pietro. La processione ha avuto inizio presso la cappella del castello di Aschaffenburg, verso la Chiesa Collegiata.

investitura_aschaffenburg

Il Gran Maestro ha poi ricordato nella sua omelia la lunghissima tradizione e le radici storiche dell'Ordine nelle sue province e le attività religiose, sociali, culturali e sociali dei religiosi e religiose. Dopo il discorso ciascuno dei 13 Familiari ha recitato solennemente la promessa personale di assistere l'Ordine nelle sue opere ed ha ricevuto dal Gran Maestro il collare con la croce dell’Ordine, il mantello e la corona del rosario, secondo quanto prescritto dagli antichi rituali.

 

 2 ottobre 2011

IL PROF. UDO ARNOLD

NOMINATO ACCADEMICO ORDINARIO

DELL’ACCADEMIA TEUTONICA

“ENRICO VI DI HOHENSTAUFEN”

 Udo Arnold

Udo Arnold, di nazionalità tedesca, è nato il 6 settembre 1940 a Leitmeritz; storico e docente universitario, ha studiato storia, musicologia, filosofia, storia dell'arte e legge a Bonn. Ha conseguito il dottorato “valde laudabilis” in Storia Medievale e Moderna, Storia dell'Europa orientale e Musicologia.

Per 45 anni si è dedicato alla storia della dell'Ordine Teutonico, del quale è unanimemente considerato il massimo esperto, a livello mondiale, dal punto di vista storico.

Nel 1978 è stato nominato Professore Associato preso l’Università di Bonn e nei seguenti anni ha rappresentato il Dipartimento di Storia Medievale presso l'Università di Hannover .

Dal 1986 ha diretto l'Area Progetto storia dello stato tedesco orientale presso l'Università di Bonn.

Nel 1992 è stato nominato Visiting Professor presso l'Università di Nicolaus Copernicus a Torun.

Dal 1997 è stato amministratore delegato del suo seminario di Bonn e nel 2005 si è ritirato proseguendo, però, a livello volontario i seminari di studio.

E’ Gran Croce al Merito dell'Ordine Teutonico (1975), Medaglia di Nicolaus Copernicus University di Torun/Polonia (1991), Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio - 1994), Dottore honoris causa dell’Università di Saratov (Russia - 1999), Croce di Cavaliere al Merito della Repubblica di Polonia (2008) e Croce al Merito Federale di Germania (2010).

Dal 1985 è Presidente della Commissione Storica Internazionale per lo Studio dell'Ordine Teutonico ed è autore di numerose pubblicazioni.

 

L’11 DICEMBRE 2011 PROSSIMA INVESTITURA PRESSO LA CATTEDRALE DI CEFALU’

Avrà luogo il prossimo 11 dicembre, alle ore 11.00, presso la Cattedrale di Cefalù, il solenne Pontificale, presieduto da S.E. Rev.ma l’Abate Generale Bruno Platter, 65° Gran Maestro dell’Ordine Teutonico, per le investiture dei Familiari della Commenda Autonoma di Santa Maria degli Alemanni – Sicilia.

Cefalu

La Diocesi di Cefalù è storicamente legata ai Cavalieri Teutonici che già nei primi anni del 1200 si stabirono a Polizzi e, come altrove, ebbero in concessione la privativa sulla macellazione degli animali grossi, vacche e buoi; nel 1303 vi quando edificò la Chiesa della Trinità che, ancora oggi, dà il nome alla Piazza dove si trova e della quale si intravedono ancora le vecchie fabbriche, parte inglobate in una recente costruzione e parte adibite a magazzino.

Un antico calice in argento dorato del XV secolo, proveniente dalla Chiesa dei Cavalieri Teutonici e recante, alla base, lo stemma dell’Ordine, è tuttora custodito presso il Duomo di Polizzi.

 

2 settembre 2011 – Donata al Gran Maestro la riproduzione in bronzo di Santa Maria degli Alemanni

SantaMaria

La Commenda Autonoma di Sicilia ha donato al Gran Maestro dell’Ordine Teutonico una grande fusione in bronzo dell’immagine di Santa Maria degli Alemanni – ispirata all’antica icona bizantineggiante portata dai Cavalieri Teutonici a Gela ed attualmente custodita e venerata, come patrona, presso la Chiesa Madre di quella città appartenente alla Diocesi di Piazza Armerina - realizzata dal noto artista siciliano Biagio Governali e destinata alla Sala Capitolare presso il Gran Magistero dell’Ordine a Vienna. Biagio Governali, pittore e scultore di Corleone, ha svolto un’intensa attività artistica in Italia e all’estero realizzando molte porte in bronzo e monumenti. Sue, tra le altre, la Via Crucis Bronzea al Calvario di Messina, un bassorilievo in bronzo di San Leoluca presso la Basilica di Vibo Valentia, la Cariatide d’argento a Projato presso l’Università di Zurigo, il bassorilievo di Sant’Antonio nella chiesa dell’Ascensione a Firenze, il celeberrimo Monumento a Guglielmo il buono sotto i portici della Cattedrale di Monreale.

 
<< Start < Prev 61 62 63 Next > End >>

La consultazione del sito dell'Ordine Teutonico Sicilia prevede l'utilizzo di cookie. La prosecuzione della navigazione si intende come implicita accettazione di tale condizione.