2 ottobre 2011

IL PROF. UDO ARNOLD

NOMINATO ACCADEMICO ORDINARIO

DELL’ACCADEMIA TEUTONICA

“ENRICO VI DI HOHENSTAUFEN”

 Udo Arnold

Udo Arnold, di nazionalità tedesca, è nato il 6 settembre 1940 a Leitmeritz; storico e docente universitario, ha studiato storia, musicologia, filosofia, storia dell'arte e legge a Bonn. Ha conseguito il dottorato “valde laudabilis” in Storia Medievale e Moderna, Storia dell'Europa orientale e Musicologia.

Per 45 anni si è dedicato alla storia della dell'Ordine Teutonico, del quale è unanimemente considerato il massimo esperto, a livello mondiale, dal punto di vista storico.

Nel 1978 è stato nominato Professore Associato preso l’Università di Bonn e nei seguenti anni ha rappresentato il Dipartimento di Storia Medievale presso l'Università di Hannover .

Dal 1986 ha diretto l'Area Progetto storia dello stato tedesco orientale presso l'Università di Bonn.

Nel 1992 è stato nominato Visiting Professor presso l'Università di Nicolaus Copernicus a Torun.

Dal 1997 è stato amministratore delegato del suo seminario di Bonn e nel 2005 si è ritirato proseguendo, però, a livello volontario i seminari di studio.

E’ Gran Croce al Merito dell'Ordine Teutonico (1975), Medaglia di Nicolaus Copernicus University di Torun/Polonia (1991), Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio - 1994), Dottore honoris causa dell’Università di Saratov (Russia - 1999), Croce di Cavaliere al Merito della Repubblica di Polonia (2008) e Croce al Merito Federale di Germania (2010).

Dal 1985 è Presidente della Commissione Storica Internazionale per lo Studio dell'Ordine Teutonico ed è autore di numerose pubblicazioni.

 

L’11 DICEMBRE 2011 PROSSIMA INVESTITURA PRESSO LA CATTEDRALE DI CEFALU’

Avrà luogo il prossimo 11 dicembre, alle ore 11.00, presso la Cattedrale di Cefalù, il solenne Pontificale, presieduto da S.E. Rev.ma l’Abate Generale Bruno Platter, 65° Gran Maestro dell’Ordine Teutonico, per le investiture dei Familiari della Commenda Autonoma di Santa Maria degli Alemanni – Sicilia.

Cefalu

La Diocesi di Cefalù è storicamente legata ai Cavalieri Teutonici che già nei primi anni del 1200 si stabirono a Polizzi e, come altrove, ebbero in concessione la privativa sulla macellazione degli animali grossi, vacche e buoi; nel 1303 vi quando edificò la Chiesa della Trinità che, ancora oggi, dà il nome alla Piazza dove si trova e della quale si intravedono ancora le vecchie fabbriche, parte inglobate in una recente costruzione e parte adibite a magazzino.

Un antico calice in argento dorato del XV secolo, proveniente dalla Chiesa dei Cavalieri Teutonici e recante, alla base, lo stemma dell’Ordine, è tuttora custodito presso il Duomo di Polizzi.

 

2 settembre 2011 – Donata al Gran Maestro la riproduzione in bronzo di Santa Maria degli Alemanni

SantaMaria

La Commenda Autonoma di Sicilia ha donato al Gran Maestro dell’Ordine Teutonico una grande fusione in bronzo dell’immagine di Santa Maria degli Alemanni – ispirata all’antica icona bizantineggiante portata dai Cavalieri Teutonici a Gela ed attualmente custodita e venerata, come patrona, presso la Chiesa Madre di quella città appartenente alla Diocesi di Piazza Armerina - realizzata dal noto artista siciliano Biagio Governali e destinata alla Sala Capitolare presso il Gran Magistero dell’Ordine a Vienna. Biagio Governali, pittore e scultore di Corleone, ha svolto un’intensa attività artistica in Italia e all’estero realizzando molte porte in bronzo e monumenti. Sue, tra le altre, la Via Crucis Bronzea al Calvario di Messina, un bassorilievo in bronzo di San Leoluca presso la Basilica di Vibo Valentia, la Cariatide d’argento a Projato presso l’Università di Zurigo, il bassorilievo di Sant’Antonio nella chiesa dell’Ascensione a Firenze, il celeberrimo Monumento a Guglielmo il buono sotto i portici della Cattedrale di Monreale.

 

17 luglio 2011 – Funerali di S.A.I. & R. Otto d’Asburgo

Cavaliere d’onore dell’Ordine Teutonico

 
Si sono svolti a Vienna, nella cattedrale di Santo Stefano, i solenni funerali di Otto d’Asburgo, deceduto a Pöcking il 4 luglio 2011 all’età di 99 anni. Anche se non si è trattato di funerali di Stato, le esequie si sono svolte, tuttavia, con la forma e gli onori riservati ad un capo di Stato, alla presenza dei maggiori rappresentanti del governo austriaco e con lo schieramento di alcune formazioni dell’esercito per rendere gli onori militari. La solenne messa funebre è stata celebrata dall’Arcivescovo di Vienna, Cardinale Christoph Schönborn, anch’egli Cavaliere d’onore dell’Ordine Teutonico, alla presenza dei rappresentanti delle principali Case Reali d’Europa, tra i quali il Re e la Regina di Svezia, il Gran Duca del Lussemburgo, il Principe Hans Adam del Liechtenstein, l’Infanta Cristina Di Spagna, la Principessa Astrid del Belgio, ed i Re Simeone di Bulgaria e Michele di Romania.
 
  
Dopo la cerimonia il feretro con i resti mortali di Otto d’Asburgo, avvolto nella bandiera dell’Impero Austro-Ungarico, si è diretto verso la Cripta dei Cappuccini, passando davanti all’antico Palazzo Imperiale di Hofburg, dove è stato salutato da 21 colpi a salve di cannone. Giunto alla Cripta, come tradizione, un ciambellano di corte ha bussato alla porta ed un cappuccino ha chiesto chi bussava. Gli è stato riposto “Otto d’Asburgo”, elencando tutti i titoli nobiliari e civili posseduti e le cariche ricoperte. Il cappuccino ha dichiarato di non conoscerlo. E così per una seconda volta. Infine il ciambellano ha dichiarato che si trattava di Otto d’Asburgo, un semplice mortale e peccatore, ed il cappuccino lo ha fatto entrare.
 
 
In tale occasione è stato traslato nella cappella dei Capuccini anche il feretro della consorte di Otto, Regina, morta lo scorso anno e sepolta in Baviera. Il cuore di Otto d’Absburgo sarà sepolto, secondo la tradizione, in Ungheria, nel monastero benedettino di Panonhalma, dopo una messa che avrà luogo nella Basilica di Santo Stefano a Budapest.
 

4 luglio 2011 – È morto Sua Altezza Imperiale e Reale l'Arciduca Otto d'Asburgo Cavaliere d'Onore dell'Ordine Teutonico

 

 

Franz Josef Otto Robert Maria Anton Karl Max Heinrich Sixtus Xaver Felix Renatus Ludwig Gaetan Pius Ignatius von Habsburg-Lothringen, Cavaliere d’Onore dell’Ordine Teutonico, noto in Italia come Otto d'Asburgo (Reichenau an der Rax, 20 novembre 1912 – Pöcking, 4 luglio 2011), è stato il Capo della Casa d'Asburgo dal 1922 al 2007, anno in cui ha abdicato in favore del figlio Carlo d'Asburgo-Lorena, anch’egli Cavaliere d’Onore dell’Ordine Teutonico.

Otto era figlio dell'Imperatore Austriaco e Re d'Ungheria il Beato Carlo I e di sua moglie Zita di Borbone-Parma.

È stato membro del Parlamento Europeo per la CSU e presidente dell'unione pan-europea internazionale. Otto viveva a Pöcking in Baviera (Germania) ed aveva la cittadinanza tedesca, austriaca, ungherese e croata.

L'arciduca Otto d'Asburgo-Lorena è morto all'eta' di 98 anni nella sua residenza in Baviera.

Stabilitosi in Germania negli anni Cinquanta dopo un lungo esilio seguito alla caduta dell'Impero asburgico nel 1919, Otto e' stato scrittore, europarlamentare (1979-99) per i cristiano-sociali bavaresi della Csu e ha anche diretto il Partito popolare europeo (Ppe).

Il Gran Maestro dell’Ordine Teutonico, Sua Eccellenza Reverendissima l’Abate Generale Bruno Platter, ha fatto pervenire alla famiglia il cordoglio suo  personale e di tutto l’Ordine al quale gli Asburgo sono, da sempre, storicamente legati, avendo, questi ultimi, ricoperto in molte occasioni, nei secoli passati,  con propri membri la carica di Gran Mestro.

I funerali avranno luogo a Vienna il 16 luglio 2011.

 
<< Start < Prev 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Next > End >>

La consultazione del sito dell'Ordine Teutonico Sicilia prevede l'utilizzo di cookie. La prosecuzione della navigazione si intende come implicita accettazione di tale condizione.